WWW.MAGELLANO.ORG"

Ritorna al Portale
Oggi è 24/08/2019, 23:20

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Si comunica a tutti gli utenti che solamente dopo i saluti e la loro presentazione saranno completamente abilitati al Forum - Si prega inoltre di leggere il Nuovo Regolamento. Grazie!

Regole del forum


HAI LETTO IL REGOLAMENTO DEL FORUM? - TI SEI PRESENTATO? - HAI FATTO UNA RICERCA PRIMA DI CHIEDERE?



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 12/03/2009, 17:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve a tutti, come preannunciato, ho deciso di aprire untopic che descriva le fasi costruttive del modello di una spagnoletta di Alghero.La scelta di realizzare proprio questo modello è nata dal fatto che sono nato proprio ad Alghero, quindi è un modo per ritornare alle origini.
I disegni del modello li ho recuperati sul librro vele italiane della costa occidentale edito da hoepli. Ho saputo da Carlo Cavalletto che questi piani non sono proprio aderenti alla realtà, ma in mancanza d'altro possono costituire una discreta base di partenza. Quindi ho eseguito alcune scanssioni delle ordinate e delle linee d'acqua dello scafo e li ho "ricalcati con AUTOCAD per ottenere dei disegni vettoriali. A questo punto ho adattato i disegni alla scala del mio modello semplicemente usando un comando di autocad. ho proceduto alla elaborazione grafica degli incastri per le ordinate e per la chiglia e la falssa chigli adel modello e ho poi stampato il tutto.
I disegni cosi ottentuti sono stati incllati sul compensato di pioppo (per odinate e falsa chiglia) e su taveletta di mogano per la chiglia vera.
La tecnica costruttiva che utilizzo per questo modello è la stessa che ho impiegato per i miei gozzi: ordinate e falsa chiglia estraibili.In pratica si tratta di costruire una spina dorsale dove incastrare le ordinate. Sul dorso di questa falsa chigli si applica (senza incollarla) la chiglia vera e propria.I listelli del fasciame vanno incollati tra di loro lungo il dorso, e non sulle ordinate. Per tenerli in posizione uso chiodini infilati con piantachiodi. La sagomatura dei listelli è eseguita con piegalistelli elettrico. Al momento non dispongo delle foto, ma non appena possibile le inserirò nei prossimi post.

A presto, ALIMURIMETA


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 12/03/2009, 18:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 10/12/2008, 1:35
Messaggi: 557
Località: milano
Ciao Francesco
conoscendoti, so che sarà un topic altamente didattico :shock: :? :shock: :? :shock: :?
Lubra


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 13/03/2009, 9:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve, come promesso vi poso le prime foto del cantiere della spagnoletta di alghero. Si evidenzia la struttura della falsa chiglie e le oprdinate realizzate in compensato di pioppo. La chiglie è in mogano (legno rossiccio). Le ordinate e la falsa chiglia sono rivestite sui bordi con del nastro adesivo per elettricisti, in modo da evitare che eventuali colature di colla dai listelli finiscano sulla falsa chiglie e sulle ordinate.


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 17/03/2009, 0:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve atutti, invio altre foto del cantiere della spagnoletta di alghero. ho ultimato la fasciatura dello scafo eseguita con listelli di tiglio 1,5 x 5. nelle foto si evidenzia il piantachiodi e il piega listelli elettrico, due utili strumenti per posare il fasciame. Ad essicazione completa della colla, ho proceduto alla rimozione dei chiodini, aiutandomi con una tenaglietta da elettronica. Ho proceduto alla levigatura dello scafo eseguita con piallino e tamponi flessibili in carta abrasiva.
A voi i commenti, saluti ALIMURIMETA


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 18/03/2009, 15:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve a tutti, vi posto le foto dello stato di avanzamento del cantiere della spgnoletta di alghero. Ho ultimato la fasciatura dello scafo e, dopo aver levigato e lisciato la superficie esterna dello stesso, ho poceduto a stendere una mano di colla alifatica diluita con acqua al 50%. Ad asciugatura avvenuta, ho proceduto alla estrazione della falsa chiglie e delle ordinate. L'operazione è stata semplice e rapida, visto che le colature di colla interne allo scafo non hanno aderito alla superficie delle ordinate, per via del nastro isolante.
Le fasi successive prevedono la levigatura della parte interne dello scafo e la successiva stuccatura interne ed esterna con impiego di stucco sintetico (tipo italeri)

A presto Francesco G. alias ALIMURIMETA


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 27/08/2009, 16:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve a tutti, dopo un lungo periodo di fermo riapro il cantiere della spagnoletta di Alghero. Nell'ultimo post avevo terminato lo scafo e la sua estrazione dalla struttura di montaggio.Ho proceduto quindi alla applicazione di resina liquida miscelata con fibra di vetro data a pennello, per rendere ancora più slado e consistente il "guscio" di listelli. L'applicazione della resina può sembrare esagerata, ma dopo l'esperienza fatta con altri modelli della stessa tipologia, ritengo sia una valida soluzione ai problemi di lesionature e crepe varie. Quindi ad essicazione avvenuta ho iniziato la fase di levigature e sgrossatura dello scafo. Per ottenere un risultato migliore e non consumare kilometri di carta abrasiva, ho proceduto alla levigatura ad umido.Il risultato finale è uno scafo liscio e resistente. Non mi resta che rifinire meglio le giunzioni dei listelli con la prua e la poppa e iniziare la costruzione del ponte e dei dettagli interni allo scafo.
A presto invierò le foto delle fasi descritte.

Un saluto ALIMURIMETA


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 28/09/2009, 21:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve a tutti, dopo una lunga pausa di riflessione dovuta al caldo estivo e per vari impegni, riprendo finalmente la costruzione della spagnoletta di Alghero. Dopo aver passato la resina con fibre di vetro, ho carteggiato lo scafo. Ho consumato parecchio olio di gomito per levigare la resina, ma il risultato finale è buono.Quindi ho iniziato a perparare la coperta. Ho fatto una scansione del disegno cartaceo e l'ho ricalcata con autocad per ottener un disegno vettoriale. A questo punto ho adattato il disegno alla scala desiderata e l'ho stampato. Dopo varie verifiche dimensionali e rilievi fatti sullo scafo, ho ritoccato il disegno aggiustandolo secondo necessità e l'ho ristampato e incollato su impiallaccio di tanganica da 16/10. Ho tagliato il legno con traforo e limato i bordi fino a farlo incastrare con la parte interna dello scafo nella posizione prevista dai disegni. Le foto mostrano il risultato ottenuto. Ora mi aspettano le fasi di rifinitura del ponte e la preparazione dei primi particolari del modello.
Alla prossima ALIMURIMETA.


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 03/10/2009, 13:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve a tutti, continuo nella descrizione delle fasi di costruzione della spagnoletta. Ho iniziato la listellatura del ponte impiegando listelli ditanganica da 5 mm. per simulare la calafatura del ponte ho passato con penerello indelebile i bordi di ciascun listello. Quindi ho incollato i vari listelli con vinavil, sagomandoli secondo il profilo del ponte. Le prossime fasi di costruzione prevedono la realizzazione dei madieri e degli staminali e la applicazione del capodibanda e dell'incintone.
Alla prossima ALIMURMETA


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 06/10/2009, 14:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Salve a tutti, proseguo nella descrizine delle fasi di costruzione della spagnoletta. Come anticipato nel precedente post, ho iniziato la rifinitura dello scafo, incollando nella parte interna duea fascie in mogano da 0.6mm, per simulare la murata interna dello scafo.Prima di procedere all'incollaggio ho carteggiato l'interno dello scafo per eliminare gli eccessi di resina e rendere più "grippante" la superfice di adesione. Per tenere in posizine le fascie di mogano, ho utilizzato delle pinzette e delle mollette da ufficio (pratiche ed economiche). Dopo aver atteso l'essiccazione della colla, ho proceduto alla rifilatura dell'eccedenza di impiallaccio di mogano. A questo punto ho provato l'incastro del ponte con la parte interna dello scafo e ho proceduto alle rettifiche e agli aggiustaggi del caso.
Le prossime fasi prevedono la realizzazione dei dettagli del boccaporto e la realizzazione degli staminali, nonchè la preparazione del capodibanda.
A presto ALIMURIMETA


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SPAGNOLETTA DI ALGHERO
MessaggioInviato: 08/10/2009, 14:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/03/2009, 11:43
Messaggi: 215
Località: battipaglia (SA)
Proseguo nella descrizione delle fasi costruttive della spagnoletta di Alghero. Ho iniziato la rifinitura dello scafo, pertanto dopo aver incollato le due fascie in mogano, devo relizzare gli ombrinali ovvero dei fori per fare scolare l'acqua dalla coperta. Per realizzarli ho proceduto come segue.
Per prima cosa ho recuperato dal disegno il passo degli ombrinali cioè la equidistanza che c'è tra di essi. A questo punto ho incollato dello scotch eliografico sul nastro del flessometro e ho disegnato delle tacche sfruttando quelle del metro. Sullo scafo ho segnato il punto dell'ombrinale di riferimento, derivato dal disegno. Questo punto coinciderà con la tacca di riferimento sul nastro. Ciò fatto ho staccato lo scotch dal metro e l'ho incollato sullo scafo, seguento l'insellatura dello stesso. Quindi ho iniziato a forare lo scafo in corrispondenza delle tacche riportate sullo scotch. Aiutandomi con lime di varia misura ho sagomato il profilo degli ombrinali. A questo punto qualcuno si potrebbe chierede: ma gli ombrinali sona a "mezza luna", metre tu hai fatto un foro= un cerchio. Vero, ma la parte inferiore di questi cerchi verrà nascosta dalla coperta (nell'interno dello scafo) e da un listello di cinta (per la parte esterna dello scafo). Ho preparato anche i vari pezzi componenti il capo di banda che sono solo appoggiati.

Alla prossima ALIMURIMETA


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group. Color scheme by ColorizeIt.
Traduzione Italiana phpBB.it